Porto d’armi: se intervenuta la riabilitazione, viene meno l’automatico diniego per i reati ostativi ex art. 43 del TULPS.

Anche se per reati ostativi ai sensi dell’art. 43 del TULPS, la condanna penale per cui è stata dichiarata la riabilitazione non è automatica causa di diniego del porto d’armi.

Continua a leggere Porto d’armi: se intervenuta la riabilitazione, viene meno l’automatico diniego per i reati ostativi ex art. 43 del TULPS.

DASPO: occorre una identificazione certa dei soggetti che hanno preso parte agli episodi violenti.

I soggetti destinatari di DASPO non possono essere individuati unicamente in via deduttiva, occorrendo maggiore certezza in ordine all’identificazione dei soggetti colpevoli degli episodi di violenza.

Continua a leggere DASPO: occorre una identificazione certa dei soggetti che hanno preso parte agli episodi violenti.

Porto d’armi: illegittimo il diniego per un episodio di cattiva custodia dell’arma che portò al suicidio del figlio del richiedente.

Il suicidio del figlio del richiedente il rinnovo del porto d’armi non è un episodio che legittima il diniego da parte della Questura.

Continua a leggere Porto d’armi: illegittimo il diniego per un episodio di cattiva custodia dell’arma che portò al suicidio del figlio del richiedente.

Porto d’armi: illegittima il diniego di rinnovo per una condanna per guida in stato di ebbrezza.

Non può essere negato il rinnovo del porto d’armi per una condanna per guida in stato di ebbrezza a carico del richiedente.

Continua a leggere Porto d’armi: illegittima il diniego di rinnovo per una condanna per guida in stato di ebbrezza.

Porto d’armi: è illegittimo diniego di rinnovo senza esplicazione dei motivi di mutamento dell’orientamento.

Se il porto d’armi per difesa personale era stato rinnovato per decenni, la Prefettura che improvvovisamente decide di negarlo deve motivare sulle ragioni del mutamento di decisione.

Continua a leggere Porto d’armi: è illegittimo diniego di rinnovo senza esplicazione dei motivi di mutamento dell’orientamento.

Occorre l’esatta individuazione del tifoso per emettere un DASPO.

La Questura non può emanare un DASPO se non è in grado di individuare con certezza il tifoso che aveva acceso due fumogeni allo stadio.

Continua a leggere Occorre l’esatta individuazione del tifoso per emettere un DASPO.

È illegittimo il diniego di permesso di soggiorno emesso senza la comunicazione del preavviso di rigetto.

La Questura è tenuta a comunicare il preavviso di rigetto in sede di rilascio del permesso di soggiorno.

Continua a leggere È illegittimo il diniego di permesso di soggiorno emesso senza la comunicazione del preavviso di rigetto.

Il DASPO non è irrogabile per aver esposto alcuni striscioni dal contenuto non univocamente violento.

L’aver esposto alcuni striscioni su cui era scritto “VINCETE O SCAPPATE” non è sufficiente alla irrogazione di un DASPO.

Continua a leggere Il DASPO non è irrogabile per aver esposto alcuni striscioni dal contenuto non univocamente violento.

Porto d’armi: illegittima revoca per alcuni episodi di liti domestiche.

Alcune querele per episodi di liti domestiche, poi oggetto di rimessione, non legittimano un provvedimento di revoca del porto d’armi e il divieto di detenzione esplosivi.

Continua a leggere Porto d’armi: illegittima revoca per alcuni episodi di liti domestiche.

Permesso di soggiorno: non può essere revocato per una condanna per impiego di lavoratori stranieri privi di titolo di soggiorno.

Il reato di cui all’art. 22, comma 12 TUI, fattispecie delittuosa che punisce il datore di lavoro che occupa alle proprie dipendenze lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno, non è reato ostativo al rilascio del permesso di soggiorno.

Continua a leggere Permesso di soggiorno: non può essere revocato per una condanna per impiego di lavoratori stranieri privi di titolo di soggiorno.